CRISTO alla colonna

CRISTO alla colonna

Antonello da Messina 1430 – 1479 Messina
Interprete del suo tempo segna con la pittura i profondi cambiamenti del desiderio di rinascita che caratterizzano il Quattrocento.
Introdusse la pittura ad olio, nella sua pittura è sempre presente il profondo legame con la sua terra , raccontata attraverso i paesaggi che fanno da sfondo a immagini riprodotte con meticolosa cura dei particolari.
Nel " Cristo alla colonna " si viene catturati dal realismo con il quale dipinge le lacrime e riproduce la barba, realismo che fa risaltare la forza espressiva dei sentimenti in un volto preso dalla realtà quotidiana e non idealizzato da una fede costruita. Riporta così il Cristo alla sua essenza umana e insieme divina la cui forza sta nella sua " normalità ".
Fu definito il pittore più nordico, proprio in virtù di questa sua attenzione e cura per i dettagli e la scelta cromatica che tanto caratterizza le sue opere.

Qui Michelangelo ha riprodotto il " Cristo alla colanna " usando la tecnica della pirografia su legno. Ne restò colpito durante una visita al museo del Louvre a Parigi nel 1995.

Posted by >I Michelangeli ( Very BUSY-Sorry ) on 2011-08-27 15:30:00